Articles

Preparare il sistema da controllare

Vedi il progetto su GitHub

Zabbix logo

Il processo di configurazione di un host controllato passa da tre semplici passaggi (vedi anche la pagina come funziona Zabbix?):

  1. La scelta del protocollo di monitoraggio e quindi la configurazione del protocollo scelto sul sistema da controllare
  2. La configurazione di un gruppo di host sul server di Zabbix
  3. La configurazione dell’host sul server di Zabbix

Scelta del protocollo di monitoraggio

Zabbix può controllare vari dispositivi ma le principali tipologie sono:

  • Sistemi operativi, attraverso un applicativo da installare chiamato Zabbix Agent o agente
  • Dispositivi di rete tramite protocollo SNMP
  • Server e altri hardware tramite protocollo IPMI

L’elenco non è completo, Zabbix infatti è estendibile in mille maniere e possono essere sviluppati altri controlli con altri protocolli.

La scelta del protocollo di monitoraggio è naturalmente soggetta a ciò che il sistema da controllare supporta. Ad esempio se una stampante supporta unicamente il protocollo SNMP, la scelta sarà obbligata a quest’ultimo. Se si desidera controllare un sistema operativo, la scelta di Zabbix Agent è sempre la preferibile.

Zabbix Agent

L’agente di Zabbix è un piccolo software da installare nei sistemi operativi da controllare e si occupa di effettuare la verifica dei valori e li comunica al server di Zabbix che li raccoglie e li trasforma in avvisi e notifiche all’occorrenza.

Le funzionalità che l’agente fornisce sono tante e sono estendibili, ovvero l’amministratore di sistema può definire domande aggiuntive che diventeranno comandi da eseguire sul sistema operativo per ottenere le risposte e quindi restituirle a Zabbix Server.

Per l’installazione dell’agente di Zabbix sui vari sistemi operativi si veda la pagina dedicata a Zabbix Agent.

Protocollo SNMP

Il protocollo SNMP (acronimo di Simple Network Management Protocol) è un protocollo di rete utilizzato da quasi tutti i produttori di hardware ed in taluni casi è applicabile anche ai sistemi operativi.

La configurazione del protocollo SNMP sui dispositivi da controllare dipende dai dispositivi stessi, generalmente si trovano le sezioni SNMP su router, switch gestiti, stampanti, telecamere di rete, UPS e altri dispositivi.

Del protocollo SNMP attualmente esistono tre versioni principali:

  • La versione 1 (SNMPv1) che fa uso di una semplice password (chiamata Community string), passata in chiaro durante la richiesta
  • La versione 2c (SNMPv2c) che estende le funzioni della versione SNMPv1 e fa uso della stessa Community string
  • La versione 3 (SNMPv3) permette l’uso di coppie utente e password e la crittografia delle richieste e delle risposte

I protocolli SNMPv1 e SNMPv2c a causa della loro natura sono insicuri e se possibile vanno sostituiti dalla versione 3. Attraverso SNMPv1 e SNMPv2 non si dovrebbero mai trasmettere informazioni riservate perché potrebbero essere facilmente intercettate o peggio modificate da un attaccante.

La quasi totalità dei dispositivi economici forniscono soltanto i protocolli v1 e v2c e per far l’utilizzo necessitano della sola stringa di comunità.

Protocollo IPMI

Il protocollo IPMI (acronimo di Intelligent Platform Management Interface) è un protocollo di rete che permette il controllo di dispositivi hardware di vario genere.

Generalmente si trova disponibile unicamente su sistemi di un certo costo, come ad esempio sistemi server IBM, Lenovo, Dell e HP.

Le sue funzionalità sono quelle relative al monitoraggio dei valori vitali dell’hardware come lo stato di funzionamento delle parti, le temperature, eventuali crash del sistema operativo in essi eseguito.

Il protocollo in alcune implementazioni permette anche il controllo totale della macchina, incluse accensione e spegnimento e accesso allo schermo del sistema ma tutto ciò esula da Zabbix che non svolge queste operazioni.


Configurazione di un gruppo host

I gruppi di host su Zabbix consentono di aggregare più host sotto un’unica voce. Ogni sistema controllato può appartenere a più gruppi di host contemporaneamente. Ad esempio una stampante oltre al gruppo Printers può appartenere anche al gruppo Network piano terra.


Configurazione di un host

La configurazione dell’host definisce il nome, l’indirizzo del sistema, l’interfaccia (ovvero l’indirizzo e la porta) utilizzata per effettuare le analisi secondo i protocolli di monitoraggio indicati sopra.

Oltre questi dati di configurazione dell’host è possibile associare uno o più modelli (Template) di regole di controllo. Saranno questi modelli a determinare i controlli che saranno effettuati sul sistema configurato.

Non è possibile associare modelli (template) a gruppi di host. La configurazione dei gruppi host permette soltanto di posizionare i modelli all’interno del gruppo di host ma non saranno efficaci e non svolgeranno alcuna funzione rispetto gli host nel gruppo.